LA MAMMA PREGA PER I SACERDOTI

Maria SS.: "Figli miei prediletti… Non rifiutate la mano che ora vi si offre per non cadere nel baratro
dell'indifferenza e della nauseabonda parola "obbedienza", che ora come ora,
non consiste nell'obbedienza alla regola del Vangelo, ma è dettata dalla regola dell'umana convenienza
(P*29.07.04):

O Dio Mio,
guarda il Mio Cuore di Mamma
e offri [ Luce ] a questi Miei Figli
sbandati, disorientati.
Guardali!
Fai cadere le bende dai loro occhi
e abbiano a riconoscere la Vera Via,
la Vera Luce che viene da Dio
che gli ha tracciato la via della perfezione!”.


GESÙ PREGA PER I SACERDOTI
(30.11.03)

“Dio Mio! Dio Mio! .. Non abbandonarMi un'altra volta! .. ..
Fa che questi figli tornino a Me, .. ..
pentiti e risanati, ripuliti da ogni peccato, da ogni colpa.. ..
siano pieni di fervore, .. ..
nel poter trasformare il male che hanno fatto.. ..
trasformarlo in un'opera grandiosa di amore
che si riverserà sulla terra,
da fratello in fratello, da anima a anima”.


IL SACERDOTE IN PREGHIERA

Gesù: " [Sacerdoti], aprite il Tabernacolo e dateMi l'onore che Mi spetta.
MetteteMi la Corona di Gloria, donandoMi preghiere...
lodi e canti, le orazioni silenziose...
Se vi viene a trovare un Vescovo, tutto ripulite...
Io Mi accontento di un cero... Mi accontento di un prete
inginocchiato a chiedere aiuto, a dire (P*20.11.04) :

Padre mio, so che mi senti, so che mi ascolti.
Guarda la mia umile persona,
guarda la mia piccola chiesa: Si sta svuotando... perché?
Sono forse io che non Ti guardo più con amore...
sono forse io che non do più la certezza che Tu ci sei...
ci stai guardando... ci stai ascoltando?

Perdonami Signore!...
Forse... ho dimenticato di fare il prete!
Forse mi sono fatto prendere la mano e mente dall'andare del mondo
e allora ecco che mi sono improvvisato: tutore... impiegato...
amministratore... delegato di banca e impegnato nel 'sociale',
dimenticando che Tu eri qui a svolgere la parte
del Re in ammutinamento.
Perdonami Signore!

Ora voglio ricominciare ad essere come Tu vuoi.
Farò il possibile per portarti le anime in adorante preghiera.
Non toglierò i paramenti dopo che il Vescovo se ne va,
ma ulteriormente provvederò che i fiori non manchino e che i lumi ardano,
che ardano anche i cuori d'amore per Te.
Ecco mio Re, sono tuo servo fedele, ricongiungimi a Te!”.


SIGNORE SO CHE SONO PECCATORE MA RITORNO A TE PENTITO

Dio Padre: “Cambiate la strada che state percorrendo lontano da Me, e decidetevi da che parte volete
andare… Sono questi gli ultimi richiami amorevoli, poi seguiranno i richiami più forti… Vi ripeto
affrettatevi… Se non fosse perché la vostra Madre Celeste insiste ai piedi del Mio Trono a chiedere
ancora Misericordia e tempo di persuasione, da dedicare ai suoi e miei figli, Io sarei già intervenuto!
Ringraziatela, questa meravigliosa Creatura che si prodiga molto per voi tutti, per convincervi che il
piano di salvezza è con i Sacramenti, con la purificazione dal Sacerdote, dal chiedere con umiltà:

“Pietà, mio Signore,
so che sono peccatore,
ma ritorno a Te pentito
e in ginocchio chiedo umilmente
pietà e misericordia,
aspettando con impazienza il perdono,
perché solo così posso ritrovare la pace
e il mio equilibrio interiore,
per camminare tra i miei simili a testa alta.
E consapevole che ‘niente io sono’,
Ti dico: Eccomi Signore,
usami a Tuo piacimento ora e sempre!”

Cara figlia, questa è ancora un’altra preghiera, che nell’atto di compiere con vero pentimento la
Confessione, il penitente può dirla al Padre suo, sapendo che Lui è presente e ascolta il suo rammarico
di essere stato peccatore.Io, Padre suo, attraverso il Sacerdote porrò sul suo capo la mia benedizione;
accoglierò la sua preghiera e dirò al suo cuore: “Vai e non più peccare!”. (P*10.08.08)


SALVATE LA MIA ANIMA !

Dio Padre: “Ora si prospettano giorni frettolosi e ansiosi, ma siate certi che il vostro Dio Padre non vi
abbandonerà mai, se voi non lo vogliate lasciare per primi! Io seguo le Mie Creature e le amo tutte e tutte
vorrei averle in salvo, ma sono pochi coloro che hanno corrisposto al richiamo amorevole da chi ve lo
ha portato in vece Mia. AscoltateMi, figli cari, ascoltateci, e mettetevi nella condizione di poter essere
salvati dalla condanna eterna! Vi amo e (vi) desidero tutti in comunione con Gesù, Maria e Giuseppe.
Seguiteli, seguite il Loro esempio di Famiglia Cristiana e siate così ben disposti a fare ciò che il
Comando di Dio impone a tutti i credenti. Fate un atto d’amore e dite tutti (P* 01.03.07):

“Sì, mio Dio, Signore Eterno,
siamo consapevoli
che il nostro vivere è stato un disastro,
ma ora ci appelliamo alla Divina Misericordia
per aprirci un varco di Luce Celestiale:
si possa noi vedere quel chiarore e seguirlo!
Sono con Voi, Santissima Trinità,
e mi prostro ai vostri piedi
a implorare perdono per tutti i miei peccati,
per tutte le mie mancanze d’amore verso Voi e verso i miei fratelli.
Vi amo, Padre Eterno,
e desidero con tutto il cuore,
mettere in salvo la mia anima purificandola,
e rendendo la mia vita,
una vita da vera creatura cristiana.
Consapevole che da sola nulla posso,
ecco che mi affido alla Vostra Volontà,
cercando di fare il possibile
per abbandonare ai Vostri piedi la mia.
Vi adoro, Vi amo, e ora Vi supplico:
salvate la mia anima ora e sempre! Amen”.


IL PADRE CHIAMA IL FIGLIO PRODIGO

Dio Padre: "Ecco, figlia Mia, il Mio accorato appello, per attirare a Me
i figli persi per il mondo e che non si decidono da che parte stare ( P*24.03.04) :

Affrettati, figlio Mio e torna a Me come il figliol Prodigo:
vieni ad abbracciare il Padre tuo che è pronto ad ascoltarti,
a mettere ordine nella tua vita.
Compi questo passo e sarai nella vera Luce,nella vera felicità.
Ciò che ora hai e che a volte senti felicità, è effimera gioia, è falsità di luce.
Ridona la vera vita alla tua anima e destati dal sonno.
Oh! tu che ancora dormi avvolto nella nebbia, afferra la tua volontà
e mettila a disposizione del tuo Dio.
Solo così avrai Vera Vita, Vera Luce, Vera Felicità. Amen”


RADDRIZZA LA MIA STRADA O DIO

Dio Padre: "… Molti disprezzano, usano e gettano ciò che Iddio ha dato a loro…
Non donano amore a Dio… Ma distruggono e offendono…
Abbiano a pentirsi in tempo… Molte anime si perdono così,
senza che abbiano il tempo di poter chiedere (P*27.06.04) :

Scusa, ero fuori del tempo, ero con la testa fra le nuvole
e il mio cuore attaccato ai beni materiali;
ma ora capisco che tutto ciò che c'è è opera Tua,
tutto ciò che tocco è grazia di dono Tuo e ora, solo ora,
capisco e Ti chiedo perdono.
Redimi la mia anima, raddrizza la mia strada
e poni fine all'infame mio dire che solo offende Te unico vero Dio.
Abbi pietà, abbi misericordia di questo peccatore quale io sono
e portami con Te nella pace eterna,
dove vige l'amore in assoluto su tutte le cose e su tutte le tue creature. Amen”.


L’ ECCOMI D’AMORE AL PADRE
NELLA DIVINA VOLONTA’

"Son Figlio di Dio, son pronto a patire,
son pronto a soffrire per il Tuo Volere.
Usami Papà, usami Padre mio,
sono io, tuo figlio, disponi di me”.
(Gesù P*27.01.03)


FIAT PADRE MIO!

Dio Padre: "Resta piccola …, rimani umile e pronta
a dirMi sempre ( P*27.06.04) :

FIAT, Padre mio,
avvenga di m
e ciò che Tu disponi e proponi;
la mia volontà sia annullata
per lasciare il posto alla Tua. Amen”.


IN ETERNO CON TE SIGNORE

S. Maddalena di C.: "Forza, … sono con te!
Ovunque tu sarai offriti e ripeti:
Fiat Signore,
ma in eterno con Te
e non con l'uomo corrotto. Amen”. (P*03.06.04)


SONO PRONTO A SOFFRIRE!

Dio Padre: “Non è più il tempo di chiedere continuamente
di essere liberati dalla ‘croce’, ma è il tempo di rispondere:

“Sì, eccomi, nella Tua Volontà son pronto a soffrire,
son pronto a morire per salvare il fratello dalla dannazione eterna”!

Offri la tua vita e la riavrai eternamente in Cielo con Me!
Non ti voglio mettere paura, ma deve solo essere accettazione al Mio Volere
senza sentire lamenti, anche se giustificati” (P*23.12.06).


DAI FIGLIOLO, CAMMINA!

Gesù: "Ed ora voglio inneggiare a Mia Madre …E quanto sta soffrendo per voi tutti,
per tutti i suoi figli, li ama d'immenso amore e continua a proteggerli,
ad aiutarli, a spronarli: continuamente dice (P*17.01.03):

Dai figliolo, cammina, vai avanti, non fermarti.
La strada è dura, ma Io sono con te: prendi la Mia mano, seguimi!
Non vedi quanto facile ti è la strada se ti lasci condurre?

Non pensare con la tua volontà,
ma lasciati guidare, lasciati accarezzare;
Io ti dono l'amore che ti manca,
Io ti dono il conforto che tu cerchi: non lo senti?

Se non lo senti è perché dai retta al mondo,
ma se tu ascolti il tuo cuore lo senti che sono con te,
lo senti che ti parlo e che ti guido, ti sono accanto,
non dubitarlo mai!”.


PREGHIERA PER CONSOLARE GESU'

Maria SS.: “… Sotto gli ulivi Mio Figlio ha sofferto, ha pianto e nessuno lo consolava.
Quando arriverete là… pensate a queste parole, mentre passeggiate la sotto, pregate

Gesù io voglio consolarTi, voglio amarTi, voglio adorarti, onorarTi,
voglio essere uno per tutti, Ti porto la preghiera di tutti.
La mia preghiera unita a questi fratelli,
sia quell'amore che nessuno Ti aveva dato.
Ti lodo Gesù, ti benedico
e la Tua benedizione scenda su tutti noi,
sul mondo intero, sulle nostre famiglie,
in tutti quelli che portiamo nel cuore. Amen.

Così figlioli sia la vostra preghiera perché uno possa portare l'amore di tutti” ( P*19.10.01).


SIGNORE DA CHI ANDREMO?

Svegliandomi lodando ho pensato di scrivere ciò che stavo dicendo: (Margherita P*10.11.04):

"Di chi avremo timore Signore, se non di Te, che sei il Maestro, il Sovrano, il Re!
Da chi andremo Signore, se non da Te, che ci ami, ci accogli e ci ascolti!
Amen, alleluia!".


GESU' ACCETTO TUTTO

Maria SS.: "....Non ebbi paura nel dire il mio "Eccomi!". Fatelo anche voi.
Disponibili sempre al richiamo del Padre ... Ditelo ogni giorno, ogni momento,
anche in ogni avversità dite così (P*21.11.01):

Eccomi Gesù,
accetto tutto quello che mi viene da Te.
Eccomi, si compia in me la Tua Volontà!
Siano gioie o siano sofferenze, saranno doni di Gesù”.


BENEDIZIONE DI SAN FRANCESCO

San Francesco d’Assisi: “Francesco, il Poverello di Dio, ti chiede
di benedire con me tutti i miei figli francescani (P*04.10.06):

“Ti possa scendere la pace nel cuore!
Ti possa sorgere una sorgente d’amore!
Ti possa sgorgare lacrime, da offrire,
per appagare l’arsura dei cuori!”.

“Siate felici, siate contenti,
brilleranno molto presto i vostri occhi,
contenti di contemplare ciò che ora in Cielo a me appare.

Sarà con voi la Madre di Dio, e sarà con voi il Figlio di Lei.
Vi ama e vi vuole con sé!
Viva Maria, la Madre mia,
scenda a benedire i suoi figli quaggiù.
Sorregga i loro cuori nel dì che verrà,
portando a tutti la Verità! Amen”.



IL PADRE CI INSEGNA A PREGARE MARIA SANTISSIMA

Dio Padre: "Innalzate sempre le lodi al Signore… alla Madre che vi accudisce…
Ecco figli, questi sono i vostri Genitori, un Padre, una Madre, due in uno,
un Dio Trinitario che ha in sé una Madre Gloriosa alta sopra tutte le creature,
perché Lei è del Cielo, Lei è nel Cielo: la Santa, la Pura, l'Immacolata! …..
Non aver paura di dire: "La Redentrice"!” (P*15.08.04):

Madre cara, noi figli tuoi, piccole creature, siamo niente.
Non possiamo raggiungere i Cieli con il nostro volere, ma Tu tutto puoi!
Puoi prepararci a questo "Volo speciale"per la redenzione di tutto il popolo di Dio.
Crea in noi quel cuore puro, ardente nel servizio e nella Lode,
perché possa essere degno di essere al cospetto del Padre.
Donaci la fedeltà che Tu hai sempre dimostrato,
la grazia che nel Tuo Cuore non è mai venuta meno.
Inondaci con il Tuo Spirito di saggezza, di bontà, di pietà,
di umile Ancella sempre pronta e disposta a dire "Sì", a Dio Padre.
Così siano le nostre anime, questo sia il nostro volere nel Volere del Padre;
e ogni cosa verrà trasformata,
ogni fibra del nostro corpo verrà ricostruita, sana…!”.


GESU' PREGA SUI SUOI FIGLI

Gesù: "Figlia mia sono a te per portarti le Parole di Cielo.
Confida nel Tuo Signore! Eccoti pronta mia scrivana!
Sono per te venuto a dettarti la preghiera ( P*20.10.03):

Io, il Re dei Re vengo a voi con il Mio Amore, vengo a voi con il Mio ardore.
Vi dono la Mia pace, vi dono il Mio Cuore,
perchè possiate amare come Io amo, possiate gioire come Io giosco,
possiate sentire il Mio dolore, possiate portare con voi tutto il Mio ardore.
Sono Colui che tutto può, sono Io l'unico da amar.
Vi voglio con Me per portarvi nel Ciel,
per portarvi dove il male non esiste e dove il dolore più non si sente.
Siate sicuri che se con Me decidete di rimanere, niente vi farò mancare.
Siate certi che ogni vostra necessità, mai vi mancherà. Vi benedico!”.


INNO A GESÙ NOSTRO RE

Gesù dice: "Sono contento di ciò che sto dettando,
sono felice di quando vedo già i miei figli leggere questo…
Ed ora inneggiamo al Re (P*09.10.03) :


(Gesù…):
Re mio Tu sei!
Re d'amore Tu sei!
Re dell'universo sei!
Re del creato sei!
Re di tutta la terra sei!
Re di ogni creatura sei!
Re di tutti i re.
La pace Tua sia con me. Amen”.


IL NOSTRO “SÌ” A DIO

Gesù: "…Niente viene lasciato al caso e che ogni
minimo particolare viene studiato… e analizzato da
Noi, prima che foste destinati alla funzione del vostro
"Credo"… Siete stati così istruiti sul da farsi, nella
vita terrena …e voi avete detto ( P*15.04.04) :

Eccomi Signore!
Vogliamo lavorare per la liberazione delle anime,
vogliamo contribuire alla salvezza della terra!”.



TIENIMI STRETTA/O AL TUO CUORE !

“Fiat, mio Signore, ora e sempre guida la mia vita
e non permettere che mai io mi separi da te.
Tienimi stretta /o al tuo Cuore, Gesù mio,
perché la mia anima ha bisogno di sentirti vicino.
Accogli le suppliche di tutti i tuoi figli,
che attraverso le mie umili preghiere chiedono soccorso,
perché da sole non ce la fanno più a combattere le avversità
che ogni giorno si presentano nel cammino terreno.
Se Tu, mio Signore, sarai clemente, saranno grate a Te e non a me,
tuo umile strumento per intercedere per loro.
Io porto la parola che sento nel cuore,
nel momento che i fratelli mi parlano,
ma poi il resto lo devi fare Tu, mio Gesù!
Amen, mio Signore, Amen, perché così sia ora e sempre!
(P*08.11.08)”.

PREGHIERE DI INTERCESSIONE E DI LIBERAZIONE
DATE DAL CIELO

 

INTERCESSIONE PER IL FRATELLI

Nel Nome di Gesù, Figlio di Maria, Madre nostra e Regina del Cielo,
io…, Signore, chiedo conforto e …
[liberazione, consolazione, guarigione, serenità, salvezza, pace…]
per questa tuo/a figlio/a, bisognosa delle Tue cure,
delle Tue tenerezze, del Tuo amore.


PREGHIERA DI SAN BENEDETTO

Fugga il nemico Satana da ogni figlio di Dio,
sparga le sue iniquità altrove,
dove a nessuno possa nuocere,
dove a nessuno rechi danno e malvagità.
’Vade retro Satana’,
e bevi tu stesso le tue iniquità!
Sei un blasfemo seduttore di anime,
ma chi vige nel fare la Volontà di Dio non osi toccare,
perfido e stolto artefice malefico.
Dono io stesso la capacità di ricacciarti negli inferi
e da là tu non possa uscirne mai più,
a molestare i figli eletti!
Torna ai piedi della Croce di Cristo,
e concatenato a quel legno rimani,
perfido serpente, repellente creatura del male.
Svanisca ogni tua seduzione,
e rimanga in ogni cuore l’amore per Dio Padre.

Scaccio ogni infestazione nel nome di Gesù,
anche se in tanti siete con a capo Belzebùl!
Ritornate ai vostri alloggi e lasciate liberi i corpi,
risanate siano le ferite che voi avete impresso,
e le anime tornino ad essere con Gesù, con Maria:

La Pura e Immacolata,
la dolce, tenera Madre che tutti vi fa tremare,
è il Suo nome che vi mette paura,
perché ne sapete che tutta Lei del peccato ne è pura.
Vi aiuta, figli cari, a liberarvi da tutti i mali;
invochiamo pure Lei, che in Ciel
fa di tutti i figli Suoi una schiera di Angeli e di Santi,
perché Lei li salva tutti quanti!
Viva Maria! Viva Gesù!,

e nel Loro Nome se ne scappi ogni tribù
che sia di ostacolo all’amore del Padre Dio,
all’amore del Figlio Gesù
e l’azione dello Spirito Santo
laverà ogni figlio tormentato.

Vi porto assieme nel mio cuore,
vi porto con me assieme ai Santi,
camminate nelle virtù
e vi abbracceremo tutti quanti!” (P*12.07.04)


PREGHIERA DI SAN PADRE PIO
Riservato allo Strumento e ai Sacerdoti

"Ave o Madre del Cielo, Regina Sovrana su ogni creatura:
la tua luce rifulgi e metti in fuga chi tanto ti odia.
Dona la pace a quest’anima, e dona l’amore che le manca.
Per Cristo Tuo Figlio nel legno della Croce,
per le sue Piaghe Santissime, per ogni goccia del Suo Sangue,
vi chiediamo liberazione da tutto ciò che fa parte del male,
da tutto ciò che infesta il pensiero, la mente, il corpo.
Dona la guarigione, la salute e (la) fede,
dona l’amore del Padre e della Madre.

La vostra creatura tormentata dalle forze del male, sia liberata da tali catene;
spezzi gli anelli concatenati al demoniaco fardello,
e si sciolgano nodi e fatture al solo Tuo Nome:
Maria la Pura,
Maria la Santa,
Maria la Vergine Immacolata,
la Madre dei Dolori,
la Madre di Dio Onnipotente ed Eterno.

Regni la pace nell’anima,
regni la pace nella famiglia,
regni la pace nel luogo di lavoro e in ogni ambiente…
(Si può dire in modo più specifico il luogo del disturbo!..)
Riposi nella pace chi disturba tale anima,
Si ridesti a nuova vita lo spirito liberato,
porti frutto d’amore chi ne è stato guarito.
(Affrettati a ringraziare nel silenzio e poi dona la Benedizione del Cielo)

Nel Nome di Dio Padre + Onnipotente
Nel Nome della Madre, + Corredentrice del mondo
Nel Nome di Cristo + il Redentore
E nel Nome dello Spirito Santo + Santificatore
di tutto l’universo creato. Amen".
(Fai tu le quattro croci sulla fronte.. e dove prevedi ci sia bisogno!) (P*13.04.04)


PREGHIERA PER ROMPERE LE CATENE
Un particolare dono allo Strumento e ai Sacerdoti!..

Il Figlio di Dio, morto per noi sulla Croce,
ordina e comanda allo spirito immondo che occupa il Suo posto,
di andarsene da questo corpo,
e l’anima prigioniera del male sia liberata dalle catene.

Porti la pace il Cristo sofferente,
doni salvezza il suo sangue prezioso,
e regni infinito e duraturo Padrone di questa anima. Amen! (P*24.06.05)


ESORCISMO DI DIO PADRE
(Per liberare una casa dall’infestazione)
Riservato ai Sacerdoti

Io, ora, in questo momento [ore 23], dico:

Nel Nome di Dio, Padre Eterno e Onnipotente,
siano scacciati nell’inferno tutti quei demoni maledetti
che hanno infestato quella [questa] casa:
in essa vi sia pace e serenità,
e nel giudizio eterno sarà espiata ogni colpa.
Così ti parlo, perché così è Mio Volere. Amen.


PREGHIERA DI LIBERAZIONE
Data a Margherita di Gesu’ (P*05.05.99):

(Io…) NEL NOME DI GESU’
Il potente, il Crocifisso, il Redentore,
Colui che detiene il primato di cacciare i demoni,
chiedo che intervenga su…N.. N.. …
Che lo (la) liberi subito da ogni oscuro male,
da ogni influenza malefica possa avere.

NEL NOME DI GESU’ REDENTORE,
io ti libero da ogni laccio che tu possa avere
con i peccati dei tuoi antenati;
cadano le catene che ti tengono,
e da questo momento tu possa
camminare con le tue gambe
nella fede e nell’amore che Dio Padre
dona a tutti i suoi figli. Amen.
Segue il Padre nostro!


NON VOGLIO ALTRO CHE GESU' E MARIA

Maria SS.: "Siamo con te ogni momento…
sii decisa nel combattere l'avversario…
tu… pensa… e avrai la pace! (P*22.08.96):

Sono con Gesù e con Maria,
non voglio altro:
liberami Gesù, liberami Maria.”


GESU' E' CON ME

Dio Padre: “Il nemico non può turbarti,
perché siamo Noi a insegnarti il modo per non venire disturbata
e tu devi ripetere (P*22.02.97):

Gesù è con me, Gesù è con me, non voglio altro che Gesù!
Liberami Gesù, liberami Maria,
perché solo la Vostra Volontà voglio fare.”


PREGHIERA DI GUARIGIONE
Fatta con l’uso di acqua (olio) esorcizzati

Gesù: “La signora N. N., ha una ferita che dovrebbe fare impacchi con acqua benedetta
e esorcizzata, perché il “nemico” la vuole tenere bloccata nelle sue uscite per difendere le
anime, pregando in comunione con altri, far sì che le sue “occupazioni”, diventino
“preoccupazioni”.
Ma Io dico: non si lasci intimorire e con fede agisca facendo quello che Io ho suggerito (P*22.03.06):

“In Gesù tutto posso,
la guarigione metto nelle Sue mani,
e l’odioso nemico si allontani, portando con sé i miei malanni.
Il Cielo benedica e porti sollievo e guarigione. Amen”.


IO AMO GESU', IO AMO MARIA

Gesù: "Figlia…ascoltami nel tuo cuore. Io parlo di amore e dono pace
e se il nemico vuole disturbarti, tu di rimbotto digli (P*27.03.04):

Io amo Gesù, amo Maria,
liberami Gesù, liberami Maria
e la Divina Volontà in me sempre sia.


INVOCAZIONE DI LIBERAZIONE

Gesù: “Sacrilegi e sacrilegi sono stati fatti per demolire la Mia figlia N.. N..,
e il Signore vostro Dio la vuole liberare! (P*28.02.05):

“Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo,
ogni forza avversa verrà demolita
e non resterà niente di ciò che disturba!”


LIBERATECI DAL NEMICO

Maria SS.: "Per indebolire le forze del male…
ripetetevi continuamente, come in una cantilena (P*20.03.04):

"Sono con Gesù, sono con Maria
e nulla mai potrà farmi il nemico,
liberaci Gesù, liberaci Maria
e la Vostra Benedizione con noi sempre sia!”


DITEMI: “VOGLIO STARE CON TE!”

Gesù: “Sono il vostro Re! Il Re della Gloria che presto scenderà nel mondo
a portare il Trionfo dei Cuori, quello di Gesù e quello di Maria.
Quando questo avverrà, siate pronti a dirMi:

“Sì, Signore, eccomi, voglio stare con Te,
voglio stare con la Mamma Maria!
Liberaci Signore da tutto questo male,
da tutto questo che ci opprime, che ci comprime, che ci soffoca”!

Figli miei, sempre più questa oppressione la state recependo:
è il male che vi circonda, il male causato dai peccati!” (P*29.04.05).


LIBERALO O SIGNORE DALLE CATENE DEL PECCATO

Gesù: “Fatti sempre più sicura, che a guidare i tuoi passi siamo in tanti,
perché con te hai la protezione degli Angeli e degli Arcangeli; e così il nemico prima
di attaccarti ci penserà bene a farlo! Io, il tuo Gesù, sarò con te per combatterlo, e tu nel silenzio
interiore Mi invocherai e dirai:

“Gesù mio, Salvatore del mondo,
con la Tua Luce acceca il nemico ribelle
e torni ai suoi antichi alloggi;
smetta di tormentare le anime
e formare legioni attorno alle sue prede.
E smetta di persuadere che tutto è ‘permesso’,
che tutto si può fare nel ‘suo’ nome.
Invece Tu, o mio Signore, che sei il Puro Amore, il Puro in tutto,
dona la pace, la liberazione e la consapevolezza a quest’anima
che Dio è Amore, Dio perdona a chi si pente
e dona la guarigione con la liberazione dal peccato!
Solleva l’anima dal pesante fardello del peccato
e risana la vita di colui che,
reo dei peccati commessi, ha contribuito al suo male.
Liberalo, o Signore! Liberalo dalle catene di questa schiavitù,
e portalo ai piedi del Tuo Tabernacolo a chiedere perdono,
e riordina la sua vita per il bene dell’anima a Te consacrata
e affidata con il rito battesimale. Amen!
Gesù Tu sai, Gesù Tu puoi;
Gesù, nel suo cuore ci sia solo e sempre Gesù!
Amen, così sia!”.

Liberare l’anima dal “male” non è facile, ma con molta pazienza e tenacia lo si vince e lo si invia negli inferi eterni. (P*31.01.06)


COME ROMPERE IL LEGAME CON GLI “ANTENATI”

* Insegnamento che Dio Padre dona a due sorelle disturbate dalla mamma defunta*

Dio Padre: “Per [la mamma]…N….N…, la pena rimane da scontare,
e il male causato è rimasto ancora tra le figlie.

> Consiglio per loro gli esorcismi *
> e in particolare tre messe in suffragio alla mamma,
perché si spezzino i legami con il male fatto da lei e provocato a molti.

> Il legame carnale è un legame molto forte,
e tu sai figlia che anche nell’unzione è bene intingere con il pollice
e segnare il punto principale del legame; l’ombelico!
Anche loro stesse possono farlo ogni giorno,
con la rinuncia di essere in comunicazione embrionale con la madre.
Stacchino questa corda che le unisce alla parentela antenata.
> Coprano con il Preziosissimo Sangue
ogni opportunità che possa dare sfogo alle vessazioni nemiche.

> Ecco che il Sigillo è la preghiera che Dio Padre mette a loro disposizione,
perché il Sangue del Figlio porti la redenzione totale
a chi camminando con Lui, desidera vivere per Dio e con Dio (P*05.01.06).



IL SIGILLO NEL “SANGUE DI GESU”

Lo chiede il Padre (P* 13.11.03):
“Figlia Mia... Il tuo Dio richiama i suoi figli all’attenzione del caos che sta
causando il demonio nel mondo... Stiamo attenti agli attacchi del nemico
e come ne vedono l’intrufolamento nell’umore e nell’aggressività,
anche in chi si pone loro di fronte, abbiano a fare il Sigillo.
Non serve tanto studio per ricordare tale preghiera, basta che usino le parole
“Nel Sangue di Cristo”, e qui sta la forza che allontana il nemico. Amen.

Dio Padre (P*05.01.06):
“ Coprano con il Preziosissimo Sangue ogni opportunità che possa dare sfogo
alle vessazioni nemiche.
Ecco che il Sigillo è la preghiera che Dio Padre mette a loro disposizione, perché
il Sangue del Figlio porti la redenzione totale a chi camminando con Lui,
desidera vivere per Dio e con Dio

Lo chiede Gesù (P* 31.08.02).
“Ungetevi, benedite, sigillatevi, sigillate ogni cosa che vi serve per lavorare e così
scaccerete il malefico, nemico Mio da sempre”.


PREGHIERA DEL SIGILLO

* NEL NOME SANTO DI GESU’ IO SIGILLO
NEL SUO PREZIOSISSIMO SANGUE

TUTTO IL MIO CORPO DENTRO E FUORI, (dire la parte disturbata:
testa, bocca dello stomaco, cuore, gola,cervicale…)

LA MIA MENTE, IL MIO "CUORE", LA MIA VOLONTÀ.

NEL NOME + DEL PADRE DEL FIGLIO +
E DELLO SPIRITO + SANTO. Amen!
(fare piccole croci col pollice, in particolare sulla parte disturbata)

Informazioni riguardo al Sigillo:
* E' preghiera fatta a Gesù
perché ci ricopra con il Suo Sangue e metta così in fuga il Nemico.
A chi farlo?
Può essere fatto su di noi

quando ci sentiamo disturbati, nervosi, intrattabili, aggressivi,
e anche sugli altri per gli stessi motivi, sia vicini che lontani.
E’ bene farlo a chi è alterato e violento verso di noi in odio a Cristo, alla preghiera,
la messa…
E' bene farlo spesso sui bambini, che loro malgrado vengono spesso disturbati dal
nemico (col pianto continuo e convulso, anormale…) per mettere alla prova la pazienza
dei genitori, e alterandone l’umore, sono esposti, a volte, a fare atti inconsulti
di nervosismo e di aggressività verso il loro bambino.
E’ bene farlo come difesa personale quando incontriamo persone che sappiamo
negative, o comunicano con noi attraverso telefono, cellulare, computer (Skype)…
E' bene far conoscere il Sigillo nel Sangue di Gesù, a quanti credono, perché sappiano
come difendersi dal nemico e difendere i loro cari e fratelli tutti.
Quando farlo?
E' bene farlo spesso, in particolare quando ci sentiamo "disturbati", più nervosi e
aggressivi, senza amore…
Come farlo?
I piccoli segni di Croce + si fanno con il pollice sulla nostra persona, in particolare
sulla parte "disturbata"( può essere la fronte, la bocca dello stomaco, il cuore,
le labbra..). Quando si può, i segni di croce si fanno anche sugli altri: come sul bambino.
Per le altre persone è bene che i segni di croce li facciano loro stessi, e a volte è
sufficiente il segno di croce normale.
Qualora abbiamo a disposizione i Sacramentali, e siamo nella possibilità di usarli, è
bene usarli come: olio esorcizzato, acqua esorcizzata.
Anche altri oggetti in nostro uso o di altri possiamo sigillare, perché non abbiano a
recare danno a noi e ai fratelli (Il telefono il computer di lavoro, il cibo, le attrezzature
di lavoro…)
Possono essere sigillati anche gli ambienti e i luoghi dove viviamo o veniamo a
trovarci (La casa con ogni stanza, la scuola, l’ambulatorio, l’ospedale, gli uffici,
il pullman, l’autobus, il vagone ferroviario, la macchina….)
I Tre segni di croce sono fatti per onorare e invocare l’aiuto delle Tre Divine Persone.


RITORNO HOMEPAGE